Perché conviene un accordo di “Gestione Patrimoniale Solidale?

Chi è interessato ad acquisire un immobile, al fine di abitarlo o condividerlo con una persona di famiglia o con altri, scoprirà subito un’enorme convenienza nell’applicazione della formula di “Gestione Patrimoniale Solidale” poiché i risultati che si possono ottenere sono enormemente superiori rispetto alle condizioni possibili fino a ieri.
Infatti, i benefici più importanti che si possono notano immediatamente sono:

  1. Recupero certificato e garantito dell’intero Fondo di partecipazione al completamento dell’E.R.A. entro la data prestabilita, oltre gli interessi legali;
  2. Diritto di prelazione nel caso di un’eventuale proposta di acquisto da parte di terzi;
  3. Possibilità di abitare in prima persona la residenza scelta, a costo complessivo praticamente nullo;
  4. L’immobile scelto, in quanto inserito all’interno di un “Ecosistema Residenziale Autosufficiente”, infatti, può usufruire di tutti i benefici aggiuntivi previsti. In questo modo la permanenza nello stesso, prevista dal contratto di Gestione Patrimoniale Solidale, si traduce in un ulteriore e notevole incremento di benefici dovuti al possibile azzeramento della gran parte delle spese residenziali classiche (cibo, acqua, energia, mobilità, ecc…).
  5. Possibilità di fruire delle numerose opportunità associative offerte ai residenti allo scopo di generare veri e propri redditi, secondo i principi economici tradizionali, in funzione dei talenti e degli impegni che si vorranno offrire liberamente.
  6. Possibilità di “provare”, per un certo periodo di tempo, senza alcun rischio e senza alcun costo reale, la soddisfazione prodotta dall’uso dell’immobile scelto che può essere, eventualmente, lasciato ad altri nel momento stesso in cui non si ritiene più idoneo alle proprie necessità.

Rispondi